(format RFC 1123) (Es.: )
pub
IN QUESTO MOMENTO
Rui Costa: "Voglio provare a fare classifica al Giro"
TOUR DOWN UNDER
Ewan concede il bis - podio per Bonifazio
Bilanci 2016
Pubblicato il 10 January 2017 Alle 18:22

Saluti a... Ryder Hesjedal, il primo canadese rosa

Saluti a... Ryder Hesjedal, il primo canadese rosa

Foto: (c) Tim de Waele

Il 2016 è stato l'ultimo anno da professionista per il ciclista canadese probabilmente più rappresentativo di sempre, Ryder Hesjedal. Reduce da una stagione sicuramente negativa, l'ormai ex corridore della Trek-Segafredo ha deciso di dire basta all'età di 36 anni, al termine di una carriera coronata da solamente cinque successi, ma di grande qualità. L'apoteosi è stata sicuramente il trionfo inaspettato al Giro d'Italia 2012, quando, contro ogni pronostico, riuscì a portarsi a casa la maglia rosa dopo tre settimane corse alla perfezione.
Nato a Vancouver il 9 dicembre 1980, Hesjedal si è avvicinato al ciclismo grazie alla mountain bike, specializzandosi in particolar modo nel cross country, disciplina che gli ha permesso di farsi conoscere dal grande pubblico. Individualmente non riuscirà mai a vincere l'oro ai mondiali di cross country, aggiudicandosi l'argento in tutte le categorie, nel 1998 tra gli juniores e nel 2001 tra gli under23, entrambe le volte preceduto dal futuro fuoriclasse Julien Absalon, mentre nel 2003 negli Elite verrà battuto da Filip Meirhaeghe. Le sue qualità però non sono passate inosservate e a 22 anni ha fatto l'importante salto verso il ciclismo su strada, aggregandosi alla squadra dei dilettanti della Rabobank. Nel 2004 riesce a passare professionista con una corazzata come la US Postal Service, che però dopo due anni senza grandi sussulti non gli rinnova il contratto. La stagione seguente è allora la squadra di Floyd Landis a dargli fiducia, la Phonak, che è tuttavia costretta a chiudere i battenti a fine 2006 a causa dello scandalo doping scatenatosi intorno al capitano statunitense durante il Tour de France. In un momento critico per il ciclismo, decide di fare ritorno in America alla Health Net (l'odierna UnitedHealthcare), con la quale corre principalmente gare e criterium nel territorio statunitense. La parentesi dura solo un anno, poiché già nel 2008 fa ritorno al ciclismo che conta, accasandosi al Team Slipstream, poi Garmin, con la quale riesce finalmente a trovare un po' di stabilità e, tra nuovi sponsor del team e conseguenti cambi di nome, riuscirà a capire la sua dimensione e portarsi a casa le prime gioie personali. Alla Garmin rimarrà fino alla fine del 2015 quando, sul viale del tramonto, decide di provare a dare un'ultima, seppur vana, scossa alla sua carriera, aggregandosi alla Trek-Segafredo, con la quale però non riesce mai ad incidere.

LE GIOIE

Come tanti altri corridori provenienti dalla mountain bike, Hesjedal è esploso tardi, raccogliendo i primi risultati importanti alla soglia dei 30 anni. I primi risultati degni di nota arrivano nel 2006 alla Phonak, quando dimostra di possedere delle discrete qualità di scalatore e una buona tenuta nelle cronometro. Conclude quarto il Giro di Catalogna, vinto poi dallo sventurato David Cañada, ma per altri due anni quel risultato per molti resterà solo un fuoco di paglia. L'anno seguente ottiene la sua prima vittoria da pro con la maglia della Health Net, nella cronometro valevole per i campionati nazionali canadesi, nei quali si toglie lo sfizio di battere uno specialista come Svein Tuft. Nel 2008 alla Garmin comincia a farsi vedere nelle prime posizioni con più regolarità, soprattutto nella prima metà di stagione: conclude terzo il GP La Marseillase, dando prova di poter dire la sua anche nelle classiche di un giorno, e ottavo in una Tirreno-Adriatico non particolarmente dura dal punto di vista altimetrico, vinta da Fabian Cancellara su Enrico Gasparotto. A maggio raccoglie la sua prima gioia al Giro d'Italia, trionfando nella cronosquadre inaugurale, che permette al suo compagno Christian Vande Velde di indossare la prima maglia rosa. La stagione successiva fa un ulteriore passo avanti, dando conferma di poter essere uomo pericoloso per le brevi corse a tappe e per le classiche più impegnative. Chiude appena fuori dalla top 10 il Tour Down Under e si piazza nuovamente ottavo nella Corsa dei Due Mari, stavolta con arrivi più impegnativi e vinta da Michele Scarponi. Il finale di 2009 è di assoluto livello: si piazza al quinto posto alla Clasica San Sebastian, riuscendo a fare un buona volata in un gruppo ristretto di 30 corridori, e poi alla Vuelta a España mette in mostra i suoi progressi nelle grandi salite. Trionfa nell'arrivo in cima all'Alto de Velefique, anticipando in una volata a due David Garcia e portandosi così a casa il secondo successo tra i grandi, concludendo inoltre al secondo posto alle spalle di Simon Gerrans una tappa nervosa con arrivo a Murcia.
Il vero salto di qualità arriva però nel 2010, annata in cui riuscirà a fare bene in qualsiasi corsa alla quale prenderà parte, cosa che non sarà più in grado di replicare gli anni seguenti. Comincia piazzandosi al quinto posto in una corsa a lui adatta, in quanto ex biker, come la Strade Bianche, per poi cogliere un ottimo sesto posto al Giro di Catalogna. Si rivela poi come grande sorpresa del Trittico delle Ardenne, raccogliendo un insperato secondo posto in cima al Cauberg all'Amstel Gold Race, dietro ad un imprendibile Philippe Gilbert, un nono posto alla Freccia Vallone e un dodicesimo alla Liegi-Bastogne-Liegi. In preparazione al Tour de France prende il via del Giro di California, durante il quale riesce a portare a casa un successo di tappa a Thousand Oaks, davanti a George Hincapie e Carlos Barredo, e il quinto posto in classifica generale. Alla Grande Boucle la Garmin gli affida i gradi di capitano e il canadese riesce ad andare oltre ogni aspettativa piazzandosi al settimo posto finale (diventato poi quinto con la squalifica di Contador e Menchov), lasciando intendere comunque una certa predisposizione verso le corse di tre settimane. In particolare furono le prestazioni nella tappa della foresta di Arenberg e quella sul Col du Tourmalet, entrambe chiuse al quarto posto, a far risalire la classifica al canadese, che si confermò in quell'anno corridore a tutto tondo. Anche nel finale di stagione Hesjedal non si è risparmiato, concludendo sesto a San Sebastian, e vendendo cara la pelle anche nelle corse di casa, piazzandosi quarto al GP Québec e terzo al GP de Montréal.
Se il 2010 fu l'anno in cui riuscì finalmente a farsi conoscere da tutti, anche se in termini di costanza di risultati e continuità di piazzamenti, fu una stagione che non riuscì più a ripetere. Il 2011, infatti, non è stato all'altezza di quello precedente, seppur qualche buon risultato sia comunque riuscito a raccoglierlo. Termina in top10 il Criterium International, il Giro dei Paesi Baschi e il Giro di California, senza tuttavia dare l'impressione di poter impensierire i primissimi. Al Tour trionfa con i compagni alla cronosquadre e si mette poi a disposizione dei capitani Tom Danielson, ottavo finale, e di Thor Hushovd, con il quale dà vita ad una bella azione nella tappa di Gap, che vide poi trionfare proprio il “vichingo” sul connazionale Boasson Hagen, con il canadese terzo. 
Il proprio capolavoro però Hesjedal lo confeziona nel 2012. Al Giro d'Italia si presenta al via dopo una prima parte di stagione non eccelsa, con il nono posto alla Liegi come unico risultato incoraggiante. Per gli addetti ai lavori rappresenta un outsider di seconda fascia, visto che l'unica top10 in un Grande Giro risaliva a due anni prima al Tour. I primi segnali positivi arrivano però già alla cronosquadre, dominata dalla Garmin, che permette a Navardauskas di indossare la maglia rosa e a Hesjedal di insediarsi nelle prime posizioni. Nella frazione di Rocca di Cambio è atteso il primo testa a testa tra gli uomini di classifica, il canadese conclude al quinto posto e vola in maglia rosa. Nella decima tappa con arrivo ad Assisi, tuttavia, una stoccata di Joaquim Rodriguez gli fa perdere qualche secondo di troppo, costringendolo a cedere il simbolo del primato allo spagnolo. Secondo gli esperti è destinato a perdere ulteriori posizioni col passare delle tappe, ma il corridore della Garmin sorprende tutti, attaccando nel finale della tappa sul Cervinia e andando così a riprendersi la maglia rosa. Il giorno seguente paga gli sforzi e perde ben 40” da Rodriguez, che in cima a Pian dei Resinelli gli sfila nuovamente la maglia di leader della generale. La resa dei conti arriva sull'Alpe di Pampeago; tutti si aspettano un definitivo crollo del canadese, che invece sovverte ancora una volta i pronostici staccando tutti, Purito compreso, prendendosi il secondo posto di tappa e avvicinandosi pericolosamente alla maglia rosa. Con la cronometro di Milano nettamente a suo favore, nella tappa dello Stelvio deve solo limitare i danni, cosa che gli riesce egregiamente grazie al grande supporto dei suoi compagni, perdendo alla fine solo una manciata di secondi dall'iberico. A Milano dà tutto sé stesso e riesce a recuperare 47” a Rodriguez, ribaltando la classifica e conquistando il Trofeo senza fine, impresa mai riuscita ad un canadese e che di conseguenza lo iscrive di diritto nella storia del ciclismo. Quello stesso anno conclude al sesto posto Il Lombardia, vinto proprio dal rivale Rodriguez.
Nel 2013 non riesce a difendere la maglia rosa, dovendo abbandonare la corsa a causa di alcuni problemi di salute, mentre nel 2014 tra alti e bassi riesce a concluderla al nono posto. A settembre riesce poi a conquistare la vittoria, che poi si rivelerà essere l'ultima in carriera, nella durissima tappa de La Camperona alla Vuelta a España, al termine di una lunga fuga che lo vide fare una bella rimonta su Zaugg ed Erviti. Al Giro d'Italia 2015, invece, si rivede parzialmente il corridore che riuscì a conquistare la corsa tre anni prima, ma una prima settimana disastrosa gli compromette le possibilità di podio. Conclude al quinto posto finale, correndo in modo aggressivo e rendendosi protagonista di alcune belle azioni, come quella in compagnia di Contador nella tappa di Verbania, e quelle nelle tappe di Cervinia e Sestriere, entrambe chiuse al secondo posto alle spalle di Fabio Aru.

 L'articolo continua dopo la pubblicità 



 

I DOLORI

Passato professionista in un periodo non troppo felice per il ciclismo, Hesjedal ha fatto fatica ad ambientarsi tra i grandi, tanto che il salto di qualità lo ha fatto solo alla soglia dei 30 anni. Nel 2013, inoltre, tirato in ballo dalla biografia di Michael Rasmussen, ha ammesso di aver fatto uso di sostanze dopanti dieci anni prima, quando ancora era un dilettante e principalmente correva in mountain bike: “Ho amato e amo questo sport, ma più di dieci anni fa ho scelto la strada sbagliata”, aveva spiegato. La notizia fece infuriare i canadesi, che lo avevano ormai assunto come nuovo idolo dopo la vittoria al Giro, ma le richieste di squalifica non furono accolte a causa dei regolamenti della WADA: “Purtroppo non può essere squalificato – ammise l'agenzia antidoping canadese - C’è la prescrizione di 8 anni per il codice mondiale Wada e i fatti sono del 2003. Però Hesjedal è uno degli atleti di punta della nazione, un esempio, e il suo comportamento ha penalizzato molti atleti canadesi puliti”.
Dal punto di vista sportivo le delusioni sono arrivate soprattutto a causa di infortuni e problemi di salute. Nel 2012, galvanizzato dal trionfo alla Corsa Rosa, si presenta al Tour de France con l'obiettivo di fare classifica ma, dopo un buon inizio, è costretto a lasciare la corsa a causa di una rovinosa caduta nella frazione di Metz. L'anno dopo, si presenta al via del Giro debilitato, probabilmente a causa del troppo peso perso nella preparazione, ed è costretto a scendere dalla bici dopo appena 13 tappe, lasciando il trono vacante. Soprattutto negli ultimi anni di carriera ha deciso di concentrare i suoi sforzi e il picco di forma in unico appuntamento, quasi sempre il Giro, ma nel caso di fallimento, come nel 2013, tutta la stagione chiaramente volgeva in negativo. La stessa cosa è successa in questo suo ultimo anno, che si è rivelato essere uno dei peggiori della sua carriera in termini di risultati. Concentratosi sull'obiettivo maglia rosa, ha lasciato la corsa dopo 14 tappe a causa di una forte faringite, non riuscendo poi nel resto della stagione a risollevarsi e a reagire, terminando con un quarto posto la crono del Tour of Alberta, miglior piazzamento stagionale.

PALMARES

2007 (Health Net presented by Maxxis, una vittoria)
Campionati canadesi, Prova a cronometro
2009 (Garmin-Slipstream, una vittoria)
12ª tappa Vuelta a España (Almería > Alto de Velefique)
2010 (Team Garmin-Transitions, una vittoria)
8ª tappa Tour of California (Thousand Oaks)
2012 (Team Garmin-Barracuda, una vittoria)
Classifica generale Giro d'Italia
2014 (Garmin-Sharp, una vittoria)
14ª tappa Vuelta a España (Santander > La Camperona (Valle de Sabero))

Da Carlo Malvestio
COMMENTI
Nessun commento
Per commentare questo articolo, connettiti con il tuo account CyclingPro.net
Connessione
WorldTour
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 17:10
Volta a Catalunya 2017, annunciate le 7 WildCard: storici inviti a Manzana e Soul Brasil
Volta a Catalunya 2017, annunciate le 7 WildCard: storici inviti a Manzana e Soul Brasil Sette inviti per la Volta a Catalunya 2017. La breve corsa a tappe iberica in programma dal 20 al 26 marzo vedrà dunque 25 formazioni al via, con le squadre di seconda divisione che si aggiungeranno alle 18 formazioni WorldTour invitate di diritto.
Continental
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 16:57
Volta a la Comunitat Valenciana 2017, 25 squadre al via
Volta a la Comunitat Valenciana 2017, 25 squadre al via La Volta a la Comunitat Valenciana 2017 raddoppia. Dopo il successo del 2016, preceduto da sette anni in cui la manifestazione non si è tenuta, le strade spagnole si propongono come uno dei primi banchi di prova della stagione e la corsa si prepara a ospitare una startlist di altissimo livello.
PUBBLICITÀ



Esclusive
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 16:15
NIPPO-Fantini, Arredondo: "I problemi fisici me li sono lasciati alle spalle"
NIPPO-Fantini, Arredondo: "I problemi fisici me li sono lasciati alle spalle" Basta poco per cambiare una stagione. Nell'epoca del calendario WorldTour e degli inviti ridotti, correre in una formazione Professional ti impedisce di avere certezze nella stesura e dei programmi e degli obiettivi. È il caso di Julian Arredondo, il quale in estate ha firmato con la NIPPO - Fantini con l'obiettivo di tornare ai massimi livelli ed essere protagonista sulle strade del Giro d'Italia 2017. Inevitabile, di conseguenza, rivedere le priorità in seguito all'esclusione del suo team dalla Corsa Rosa, malgrado sia fuori discussione che per il colombiano il 2017 sarà l'anno del rilancio.
Presentazione squadre
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 15:00
Presentazione squadre 2017: Direct Energie
Presentazione squadre 2017: Direct Energie La Direct Energie riparte alla volta del 2017 confermando la sua struttura. La compagine transalpina, diretta dall'esperto manager Jean-René Bernaudeau, potrà contare su un interessante nucleo di giovani, affiancati da alcune vecchie volpi del gruppo che potranno offrire un contributo importante.
Extra
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 14:00
Santos Tour Down Under 2017, Presentazione Tappa 4: Norwood - Campbelltown
Santos Tour Down Under 2017, Presentazione Tappa 4: Norwood - Campbelltown Il Santos Tour Down Under 2017 prosegue con una quarta tappa che non sembra riservare grandi sorprese.
WorldTour
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 13:38
Movistar, ufficiale: Giro-Tour per Quintana; Tour-Vuelta per Valverde
Movistar, ufficiale: Giro-Tour per Quintana; Tour-Vuelta per Valverde Tutto fatto in casa Movistar. Nairo Quintana e Alejandro Valverde hanno ufficializzato i loro programmi, con il primo che, come era già stato anticipato, tenterà l'accoppiata Giro d'Italia e Tour de France e il secondo che, oltre alla Grande Boucle, correrà la Vuelta a Espana.
Giro 2017
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 13:06
Giro d'Italia 2017, Vegni sulle wild-card: "L'attenzione al ciclismo italiano c'è e ci sarà sempre"
Giro d'Italia 2017, Vegni sulle wild-card: "L'attenzione al ciclismo italiano c'è e ci sarà sempre" L'assegnazione delle wild-card per il Giro d'Italia 2017 ha suscitato inevitabili polemiche. L'esclusione di due compagini italiane come la Androni - Sidermec e la NIPPO - Fantini, in favore di Gazprom - Rusvelo e CCC Sprandi, ha suscitato inevitabili malumori, vista l'importanza della posta in palio.
Giro 2017
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 13:25
NIPPO-Fantini, Pelosi risponde a Vegni: "Non abbiamo un progetto vero? Dichiarazione offensiva, ne rimango stupito"
NIPPO-Fantini, Pelosi risponde a Vegni: "Non abbiamo un progetto vero? Dichiarazione offensiva, ne rimango stupito" Non si esauriscono le polemiche sull'assegnazione delle wild-card al Giro d'Italia 2017. L'esclusione di due compagini italiane ha generato numerose reazioni e in casa NIPPO - Fantini c'è la volontà di richiedere l'aiuto della Federazione Ciclistica Italiana. Il general manager Francesco Pelosi aveva già espresso questo auspicio nella giornata di ieri, ribadendolo in una nota pubblicata in data odierna.
WorldTour
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 12:41
Santos Tour Down Under 2017, Sagan: "Non sono ancora al top, ma è un bene"
Santos Tour Down Under 2017, Sagan: "Non sono ancora al top, ma è un bene" Primo piazzamento stagionale per Peter Sagan. Il corridore della Bora - Hansgrohe ha centrato la seconda posizione nella volata di Victor Harbor nella terza tappa del Santos Tour Down Under 2017, dimostrando di essere in crescita di condizione. Un risultato che sembra soddisfare il campione del mondo che, al momento, non sembra avere le gambe per contrastare lo strapotere di Caleb Ewan.
WorldTour
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 11:16
Santos Tour Down Under 2017, Izagirre a terra nel finale: nessuna frattura ma incerta la ripartenza
Santos Tour Down Under 2017, Izagirre a terra nel finale: nessuna frattura ma incerta la ripartenza Giornata sfortunata per Gorka Izagirre. Il corridore della Movistar è finito a terra nel finale della terza tappa del Santos Tour Down Under 2017, riportando diverse escoriazioni e botte.
WorldTour
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 08:22
Movistar, Quintana conferma le proprie intenzioni: farà Giro e Tour
Movistar, Quintana conferma le proprie intenzioni: farà Giro e Tour Nairo Quintana ha ufficializzato che nel 2017 correrà il Giro d'Italia ed il Tour de France.
Sintesi Gare
Pubblicato il 19 January 2017 Alle 05:23
Tour Down Under 2017, bis di Ewan davanti a Sagan e Bonifazio
Tour Down Under 2017, bis di Ewan davanti a Sagan e Bonifazio Caleb Ewan implacabile al Tour Down Under 2017. L'australiano si è imposto anche Victor Harbor bissando così il successo ottenuto lunedì nella prima tappa.
Extra
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 20:03
Santos Tour Down Under 2017, Presentazione Tappa 3: Glenelg - Victor Harbor
Santos Tour Down Under 2017, Presentazione Tappa 3: Glenelg - Victor Harbor La terza tappa del Santos Tour Down Under 2017 di nuovo per velocisti. Dopo il sorprendente arrivo a Paracombe che ha dato una prima grande scossa alla classifica generale, si torna al classico scenario di questa corsa con una frazione piuttosto semplice, in cui i velocisti avranno nuovamente modo di farsi notare.
Esclusive
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 19:23
Androni-Sidermec, Matteo Malucelli: "Mi è sempre piaciuta la velocità e il ciclismo era lo sport giusto"
Androni-Sidermec, Matteo Malucelli: "Mi è sempre piaciuta la velocità e il ciclismo era lo sport giusto" Matteo Malucelli pronto e motivato al grande salto. Dopo due stagioni di anticamera con Team Idea e Unieuro, il 23enne indosserà quest'anno la maglia della Androni - Sidermec.
Continental
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 17:33
Nippo-Fantini, Pelosi commenta l'esclusione dal #Giro100: "Mi chiedo come mai la Federciclismo non sia intervenuta"
Nippo-Fantini, Pelosi commenta l'esclusione dal #Giro100: "Mi chiedo come mai la Federciclismo non sia intervenuta" La Nippo - Fantini prende atto dell'esclusione dal Giro d'Italia 2017. Le prime parole del team manager della formazione italo-giapponese sono sicuramente amareggiate, ma senza risentimento, perlomeno non verso RCS Sport, pur ritenendo che si sarebbe potuto fare di più per tutelare maggiormente il ciclismo italiano.
Giro 2017
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 14:35
Giro d'Italia 2017, svelate le WildCard: escluse Nippo e Androni!
Giro d'Italia 2017, svelate le WildCard: escluse Nippo e Androni!
Giro 2017
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 16:39
Androni-Sidermec, Savio replica all'esclusione dal Giro: "Una grande ingiustizia"
Androni-Sidermec, Savio replica all'esclusione dal Giro: "Una grande ingiustizia" La Androni Giocattoli-Sidermec è stata esclusa dal Giro d'Italia 2017.
Presentazione squadre
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 14:00
Presentazione squadre 2017: Katusha - Alpecin
Presentazione squadre 2017: Katusha - Alpecin La Katusha - Alpecin si appresta a vivere una stagione particolare. Si può dire infatti che con il 2016 sia finita un'era nel team e ora ci sia l'inizio di una nuova.
Esclusive
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 12:41
Team UAE, Rui Costa: "Voglio provare a fare classifica al Giro"
Anno nuovo e obiettivi nuovi per Rui Costa. Il portoghese è rimasto infatti affascinato dal Giro d'Italia 2017 e per questo ha deciso di cambiare il suo tradizionale calendario optando per la Corsa Rosa invece del Tour de France.
CicloMercato
Pubblicato il 18 January 2017 Alle 10:29
CicloMercato, Paolini si ritira: "Speravo in un addio diverso"
CicloMercato, Paolini si ritira: "Speravo in un addio diverso" Luca Paolini annuncia la decisione di appendere la bici al chiodo dopo non aver trovato una squadra per questo 2017.
pub
Abbonatevi!
 
computer
MI VOGLIO ABBONARE
Sondaggio
Sondage vide

No sondage